+39 333 290 9821 studiovalle@italogestioni.it

 

Cerco di fare una sintesi di tutti i cambiamenti chiarimenti e approfondimenti fatti in questi ultimi giorni sull’argomento.

AMMESSI/NON AMMESSI

Con Decreto anche i professionisti iscritti alla Casse private ci rientrano

Con “risposta a una FAQ del MEF” anche gli agenti di commercio (anche quelli in attività finanziaria di conseguenza!) ci rientrano (dove? con la categoria commercianti o con i professionisti con Cassa privata?) 

I dipendenti a termine ex articolo 44 pure!

I soci di società vi rientrano, se iscritti all’INPS.

Riteniamo vi rientrano anche i collaboratori familiari (da verificare)

N.B. l’indennità non non può essere data ai titolari di pensione

Il Fondo di ultima istanza dovrebbe tutelare tutti coloro che non sono ricompresi negli ammortizzatori sociali e indennizzi previsti per dipendenti e Partite IVA, autonomi e collaboratori coordinati continuativi, lavoratori dello spettacolo e agricoli, stagionali del turismo, ma che – al pari di essi – hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro in conseguenza dell’emergenza Coronavirus.

Chi non ha cessato, ridotto o sospeso la loro attività ci rientra lo stesso?

Gli autonomi di Rimini (leggi articolo), giustamente, hanno dichiarato che non lo vogliono questo “obolo” e preferirebbero che fosse dato ai sanitari, che combattono in prima linea contro il coronavirus e – si spera – per una più celere riapertura delle attività economiche in Italia   

E gli altri 100 milioni del Fondo Ultima Istanza a chi andranno? Il Ministero dell’Economia dichiara che «le platee dei destinatari verranno decise a giorni con un provvedimento di prossima emissione» (ancora?)

Infine, sembra possibile che questa indennità copra anche i collaboratori domestici: «la situazione di colf e badanti è attualmente in considerazione, in vista di un loro inserimento tra i beneficiari del Fondo residuale previsto nell’articolo 44», chiarisce il ministero (ma vaf…!!).

ADEMPIMENTI

L’indennità, per i professionisti ordinistici, dovrà essere richiesta alla propria Cassa di previdenza (ci sono comunque delle limitazioni in base a reddito e fatturato)

Per gli altri (commercianti, ecc.) tramite INPS e pin INPS!

L’indennità, è esentasse, non cumulabile con altri strumenti di sostegno al reddito,

E tutto questo riguarda solo il mese di marzo… si vedrà per il mese di aprile!

 

__________________

Chiedi un nostro consulto!

Clicca qui

Lingua